Repubblica Nomade partecipa a L’ITALIA CHE RESISTE – A piedi da Firenze a Sant’Anna di Stazzema (25/4 -1/5 2020)

LSant'Anna’ITALIA CHE RESISTE – La memoria e il presente, camminare discutendo. A piedi da Firenze a Sant’Anna di Stazzema, 25 aprile-1 maggio 2020

La sezione Anpi di Peretola (Firenze) organizza una libera camminata denominata “L’Italia che resiste” fra il 25 aprile e il 1° maggio 2020, con partenza da Firenze, città medaglia d’oro per la Resistenza, e arrivo a Sant’Anna di Stazzema, il primo maggio, festa del lavoro e della dignità della persona umana, in un luogo dove la dignità fu calpestata, quando, il 12 agosto 1944 fu teatro teatro di uno dei più gravi eccidi compiuti in Italia dal nazifascismo in guerra.

La camminata intende affermare la centralità e l’attualità dell’antifascismo, facendo  tesoro della memoria collettiva delle stragi nazifasciste avvenute in Toscana nel 1944 , per riaffermare i principi di libertà, eguaglianza, accoglienza, tutela del territorio, partecipazione,  affermati dalla Costituzione.

Repubblica Nomade aderisce ai valori dell’iniziativa e ne condivide in pieno lo spirito: L’Italia dei ribelli è nei nostri cuori; l’antifascismo vivo, attivo, concreto – non l’antifascismo declamato ma inerte – è la nostra prospettiva. La memoria delle stragi insegna che si uccide senza riguardo e senza rimorso, che si muore innocenti e nell’indifferenza, quando certe vite sono considerate di scarto, meno importanti di altre, vite di serie b. Non lo possiamo dimenticare, perché succede ancora, intorno a noi, vicino a noi: nelle guerre in corso, nel mar Mediterraneo, lungo i confini della Fortezza Europa. La memoria della resistenza è il terreno fertile nel quale seminare pensieri nuovi. L’Italia che resiste è un ponte che attraversa la storia e fa transitare persone, parole, pensieri. Camminare può essere (l’inizio di) una liberazione.” (cit. dal Manifesto del cammino L’Italia che Resiste, potete leggere il testo integrale a questo link https://camminacammina.art.blog/2020/02/09/perche-questo-cammino-il-nostro-manifesto/

Cammineremo dunque insieme perchè anche per noi di Repubblica Nomade “camminare è un atto collettivo, un’esperienza umana preziosa e un gesto politico”, per dire ancora una volta che dobbiamo resistere all’oblio e all’indifferenza, dobbiamo essere agenti del cambiamento e non smettere di levare un grido contro tutte le ingiustizie.

Il cammino prevede sistemazioni per la notte con materassino e sacco a pelo. I dettagli sono in via di definizione. Cliccate qui per maggiori informazioni.

Condividi > Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Share on TumblrShare on RedditEmail this to someonePrint this page